Racconti di parto: Ospedale Madonna del Soccorso, San Benedetto del Tronto – Mamma Sabina

Racconti di parto_Ospedale Madonna del Soccorso SBTVi presento il primo racconto di parto di una delle mamme che hanno voluto condividere le loro esperienze con noi. Di certo saranno utili ad altre future mamme che pensano di partorire nell’Ospedale Madonna del Soccorso di San Benedetto del Tronto o che ancora devono decidere a quale struttura rivolgersi per il parto.

Il Racconto di Sabina

Ho partorito entrambi i miei figli all’ospedale di San benedetto, la più “grande” ha tre anni.
Nella struttura di San Benedetto ho trovato un ambiente molto accogliente un personale qualificato ma soprattutto in armonia e molto disponibile il che dovrebbe sembrare scontato ma non lo è. Le ostetriche sono assolutamente disponibili. Anche a mesi dal parto continuo a sentirmi con alcune di loro per piccoli problemi come per esempio con l’allattamento. Grazie a loro sono riuscita ad allattare la prima figlia fino al primo anno di vita e spero di fare lo stesso questa volta. La struttura tra l’altro ha anche una vasca per parto in acqua. Il bello del personale del reparto ostetricia è il fatto che fanno vivere il travaglio e l’evento parto con grandissima naturalezza. Ho notato una elevato numero di parti naturali indotti o spontanei rispetto a strutture vicine. Il bimbo è in camera con la mamma sin dai primi minuti di vita.. anzi non lascia mai la sua mamma e grande è l’attenzione al corretto avvio dell’allattamento che è fondamentale per fare in modo che duri il più lungo possibile.

Un’altra esperienza di una mamma che ha partorito nell’Ospedale di SBT la trovate qui

Il sito MammeSBT – Le mamme del Piceno resta a disposizione per quante vorranno condividere la propria esperienza o per chi vorrà commentare i racconti pubblicati… ogni informazione in più sarà di aiuto alle lettrici.

“Racconti di parto” è una iniziativa del sito web Club delle Mamme Marchigiane. Se volete conoscere i racconti di parto di mamme che hanno avuto esperienze in altre strutture ospedaliere della Regione Marche visitate il sito web Club delle mamme Marchigiane.

Leggi anche:

  1. Racconti di parto: Ospedale Mazzoni – Ascoli Piceno-Mamma Alessia
  2. Racconti di parto: Ospedale Madonna del Soccorso – SBT – Mamma Barbara
  3. Racconti di parto: Ospedale Mazzoni – Ascoli Piceno – Mamma Manuela
  4. Utility
  5. Mappa Locali Child Friendly
  6. SOS Famiglie
Annunci

15 thoughts on “Racconti di parto: Ospedale Madonna del Soccorso, San Benedetto del Tronto – Mamma Sabina

  1. Pingback: Racconti di parto: Ospedale Madonna del Soccorso, San Benedetto del Tronto | Club delle Mamme Marchigiane

  2. Ciao io ho partorito ad aprile 2012 e purtroppo la vasca per il parto in acqua non sì può utilizzare perchè è nuova e deve essere verificata ed abilitata…anch’io volevo ed è stato brutto vederla lì nuova nuova e non poterla usare

    Mi piace

    • Ciao, benvenuta! Grazie di averci fatto sapere… anche io ho partorito all’ospedale di SBT a giugno 2010 e per la vasca c’erano gli stessi problemi… credo però abbiano risolto. Vediamo se riusciamo a raccogliere info aggiornate 😉 A presto!

      Mi piace

  3. ciao!! sono una pancina….6+3. sono alla mia prima gravidanza ed è tutto nuovo,tutto sconosciuto. spero di vivere serenamente questa esperienza. ma se dovessi aver dubbi posso chiedere a voi…giusto?? anch’io sarò una mamma del piceno!! 🙂

    Mi piace

  4. Io avevo scelto l’ospedale di SBT proprio perchè al telefono mi era stato detto che la vasca “funzionava a pieni ritmi”….invece non era cosi. Quello che ho capito è che i vari ospedali si contendo le nascite. Non mi sono trovata molto bene a SBT, un po perchè il parto è un momento particolare, un po perchè l’atmosfera era tesa tra ostetriche ed infermiere, non ho osato chiamare il campanello nemmeno quando la febo di ferro cominciava a scolare fuori dalle vene, perchè l’ago era troppo vecchio. Trattavano le mamme come attrici lagnose che non avevano meglio da fare che rompere le scatole a loro…che commentavano sul tablet quale scarpa fosse più bella zu Zalando. Purtroppo mi è toccato il cesareo: ci sono state infermiere che mi hanno detto a brutto muso che avrei dovuto camminare…e allora camminavo. Poi il dottore invece mi rimproverò dicendo avrei dovuto rimanere sdraiata….bo, oltre a sopportare il dolore non sapevo cosa fare. Ero davvero disorientata. Sono una donna capace di lavorare anche 18 ore di seguito, porto avanti la mia casa da sola, sono indipendente da quando ho 18 anni… ed essere trattata come una cretina in un momento così mi ha davvero demotivata. Ci sono state due osteriche invece che hanno fatto la differenza, proprio quelle che con discrezione facevano il loro lavoro e soprattutto SORRIDEVANO, non le superostetriche che ti ripetono a memoria interi trattati sull’OMS credendo che tu sia una povera ignorante e non sappia nemmeno cosa sia l’acronimo…bo…tutte le persone che sono venute a trovarmi e tutte le mamme conosciute li hanno notato questa mancanza di modestia. Non vedevo l’ora di andare a casa. Davvero. Credo che tutte quelle infermiere/ostetriche abbiano un valido motivo per essere così, però non a discapito dei pazienti. Dovessi avere un’altro figlio tornerei a SBT, perchè non vorrei trovarmi in un ambiente ancora peggiore altrove.

    Mi piace

    • Io ne ho sentiti tantissimi di commenti negativi (anche peggiore di questo) e neanche uno positivo su quel reparto a sbt, per questo alla fine ho deciso di partorire a Sant’Omero (sono a giorni) di cui non ho sentito ancora dopo tutti questi mesi neanche un commento negativo1

      Mi piace

    • buongiorno!!! sono incinta da due mesi,mi segue la mia ginecologa di sempre,ma è di ancona e lavora a villa igea e lì il reparto maternità nn c’è più… quindi lei mi seguirà fino al sesto mese e poi?? disorientata xkè qui nn conosco nessuno,ma dopo aver letto i vostri commenti sn sicura ke nn andrò mai a partorire a SBT. vi ringrazio!! ma sapete com’è il reparto maternità di fermo?? informatemi. grz. 🙂

      Mi piace

      • Ciao! Mi permetto di dirti che molte mamme che hanno commentato sulla pagina e sul profilo facebook di questo sito hanno detto di essersi trovate molto bene a SBT… come sempre è tutto molto soggettivo 🙂 Hai preso in considerazione l’ospedale di Ascoli Piceno? C’è un racconto di una mamma che puoi trovare qui . Comunque per avere info sul reparto maternità di Fermo puoi vedere il sito web Club delle mamme Marchigiane… qui trovi un racconto di parto A presto!

        Mi piace

  5. Effettivamente molte cose non vanno proprio all’ospedale a SBT.. a cominciare dal fatto che i dottori sono molto chiusi, dopo il ricovero ci hanno detto che o accettavamo tutto di prassi (tutti gli interventi che per legge puoi scegliere o meno se far praticare su tes stessa o sul bambino che sta per nascere) o ce ne potevamo andare altrove.. dopo aver discusso via telefono con il direttore Appignanesi e una pediatra che era appunto “o tutto o fuori”, ho preferito dare le dimissioni e andare a Civitanova Marche.. l’avessi saputo prima…
    Posto fantastico, puoi scegliere il tipo di parto che preferisci (oltre a quello in acqua, e la vasca “funziona” sempre, puoi optare anche per il lotus birth senza problemi).
    lLle davvero la pena!!

    Mi piace

Lascia un Commento o clicca su Replica se vuoi rispondere a un commento precedente

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...