Fondo di credito per i nuovi nati

AGGIORNAMENTO DEL 1 GENNAIO 2014

Con la Legge di stabilità 2013 è stato soppresso il Fondo di garanzia per l’accesso al credito ai nuovi nati a partire dal 1° gennaio 2014 (Legge 27 dicembre 2013, n.147 – articolo 1 comma 201).
Le risorse in esso disponibili a quella data confluiranno in un nuovo Fondo, istituito presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, che erogherà contributi alle famiglie con nuovi nati con modalità stabilite da un prossimo Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri.
Le richieste relative al vecchio Fondo di credito per i nuovi nati, già presentate alle banche aderenti entro il 31 dicembre 2013, saranno vagliate secondo le procedure previste dalla precedente legge.
________________________________________________________________________________________

 

Ultimamente sto dando un’occhiata a quelle che sono le agevolazioni per le famiglie in questo periodi di crisi, ecco quindi che dopo il Bonus Bebè e i Bonus sulle bollette di gas e luce vi segnalo il Fondo di credito per i nuovi nati.

Fondo di credito per i nuovi natiDi cosa si tratta:

Come ben sapete con l’arrivo di un bambino in famiglia nascono nuove esigenze e nuove spese. Per quest’ultime è stato istituito, presso il Dipartimento per le politiche della famiglia, un Fondo volto a favorire l’accesso al credito delle famiglie con un nuovo figlio nato o adottato, attraverso il rilascio di garanzie alle banche e agli intermediari finanziari (Decreto legge n. 185/2008 – art. 4, comma 1 e 1bis). In pratica si tratta di un prestito concesso a condizioni agevolate.

Chi ne può usufruire:

Possono chiedere il finanziamento i genitori di bambini nati a adottati negli anni 2012, 2013 e 2014.

In caso di esercizio della potestà su più di un minore può essere richiesto più di un finanziamento, mentre è ammesso un solo finanziamento per ogni bambino nato o adottato, anche in caso di potestà o affido condiviso.

La domanda può essere presentata entro il 30 giugno dell’anno successivo alla nascita o all’adozione.
Per le adozioni nazionali si fa riferimento alla sentenza di affidamento preadottivo o di adozione definitiva. Per le adozioni internazionali si fa riferimento al provvedimento di autorizzazione all’ingresso e alla residenza permanente del minore rilasciato dalla Commissione per le adozioni internazionali, sia per le adozioni pronunciate all’estero che per quelle pronunciate in Italia a conclusione del periodo di affidamento preadottivo.

A quanto ammonta il fondo:

E’ possibile chiedere un prestito, fino a 5000 euro da restituire entro 5 anni.

Come si ottiene:

Chi desidera ottenere il finanziamento può rivolgersi ad una delle banche o degli intermediari finanziari che hanno aderito all’iniziativa, il cui elenco, continuamente aggiornato, è pubblicato sul sito www.abi.it. II finanziamento concesso può essere utilizzato per qualunque tipo di spesa.

La domanda può essere presentata compilando direttamente presso le banche l’apposito modulo, nel quale viene autocertificato il possesso dei requisiti richiesti e dichiarando:

  • le proprie generalità e quelle del minore nato a adottato (specificando in tal caso gli estremi del provvedimento): Nome e Cognome, Luogo e Data di nascita, Codice fiscale;
  • l’esercizio della potestà genitoriale sul minore, specificando se si esercita tale potestà da solo a insieme ad altro soggetto;
  • in caso di esercizio della potestà condiviso, generalità dell’altro soggetto e dichiarazione che è richiesto un solo prestito per ogni minore.

La Banca/Intermediario finanziario, accertata l’ammissione alla garanzia del Fondo, delibera autonomamente sull’erogazione del finanziamento e provvede ad accreditare al beneficiario l’importo corrispondente in base alle modalità concordate con il beneficiario.

È possibile estinguere il debito in un’unica soluzione o con rate da concordarsi al momento della sottoscrizione del contratto di finanziamento. L’arco temporale di restituzione del finanziamento deve essere concordato con la Banca/Intermediario finanziario.

In caso di insolvenza, si è soggetti alle ordinarie procedure esecutive per il recupero del credito.

Nel caso in cui risulti che la concessione delle agevolazione e stata determinata da dichiarazioni mendaci o false attestazioni, si provvede alla revoca del finanziamento.

Fonte e approfondimenti:  www.fondonuovinati.it

Leggi anche:

  1. Bonus Bebè 2013: cosa è, a chi spetta, come richiederlo
  2. Bonus gas, elettricità, acqua – Anno 2013
  3. SOS FAMIGLIE
Annunci

One thought on “Fondo di credito per i nuovi nati

  1. Pingback: Concessione di contributi a favore degli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado (ex scuole medie inferiori e superiori) a.s. 2013-2014 | MammeSBT - Le Mamme del Piceno

Lascia un Commento o clicca su Replica se vuoi rispondere a un commento precedente

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...