Norme igienico alimentari per la gestante recettiva alla toxoplasmosi

Norme igienico alimentari per la gestante recettiva alla toxoplasmosi

  • cuocere sempre molto bene le carni prima del consumo;
  • evitare il consumo di carni crude o poco cotte, salumi crudi, frutti mare crudi, latte non pastorizzato, uova crude;
  • lavare accuratamente frutta e verdure prima del consumo;
  • lavare sempre le mani prima di mangiare e dopo aver toccato carni crude, frutta e verdure non lavate, terra o altri materiali potenzialmente contaminati con le feci del gatto;
  • pulire accuratamente le superfici della cucina e gli utensili venuti a contatto con carni crude, frutta e verdure non lavate;
  • usare sempre guanti di gomma in tutte le attività che possono comportare il contatto con materiali potenzialmente contaminati con le feci del gatto (giardinaggio, orticoltura, pulizia lettiera del gatto, ecc.);
  • evitare il contatto con il gatto e soprattutto con le sue feci; in caso di presenza di un gatto in casa adottare le seguenti precauzioni: alimentare l’animale con cibi cotti o in scatola evitando che esca di casa, affidare ad altri la pulizia della sua cassetta, facendo sostituire frequentemente (meglio se quotidianamente) la lettiera e igienizzando il contenitore per almeno 5’ con acqua bollente;
  • evitare viaggi al di fuori dell’Europa e del Nord America
  • eliminare dalla propria abitazione veicoli animali (mosche, scarafaggi, ecc.)

BIBLIOGRAFIA

Allegato estratto da: 

Percorsi diagnostico-assistenziali in Ostetricia-Ginecologia e Neonatologia Gruppo multidisciplinare

“Malattie infettive in ostetricia-ginecologia e neonatologia”

 AMCLI (Associazione Microbiologi Clinici Italiani), SIGO (Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia), SIMaST (Società Interdisciplinare delle Malattie Sessualmente Trasmissibili), SIMIT (Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali), SIN (Società Italiana di Neonatologia), SIP (Società Italiana di Pediatria).

Logo Cristiana AperioAUTORE:

Cristiana Aperio è la Biologa Nutrizionista (ISCRIZIONE ALL’ALBO dei Biologi – SEZIONE A NUMERO d’ISCRIZIONE: 061643) ideatrice della Dieta Miwa. Dottore Magistrale in Economia e in Scienze Biomolecolari e Biofunzionali, la sua specializzazione nello stress ossidativo l’ha condotta ad essere Coordinatrice Scientifica di “Regenera Research Group” (Associazione scientifica di medicina preventiva, predittiva e rigenerativa). Il suo lavoro come nutrizionista è continuamente affiancato ad attività di ricerca  che le hanno valso molte pubblicazioni scientifiche, tra le quali:

  • “Lo stress ossidativo e le sue implicazioni nella salute femminile”, Bollettino di ginecologia Endocrinologica, Vol7:53-63, 2013;
  •  “IL-22 mRNA in peripheral blood       mononuclear cells from allergic rhinitic and asthmatic pediatric patients” (Pediatric Allergy and Immunology, Volume 22,Issue 4,pages 419-423, June 2011);
  • “Sensibilzation rate of Anisakis Simplex in a not selected pediatric population ” Società Italiana di Allergologia ed Immunologia Pediatrica S.I.A.I.P. 9° Congresso nazionale di allergologia ed immunologia pediatrica.

La Dottoressa Aperio gestisce un team di nutrizionisti che collaborano con lei per creare diete bilanciate e gustose che sono alla base dei menu Miwa Diet (Miwa Diet è un marchio depositato che fa della professionalità del suo staff un suo punto di forza).

Da Settembre 2013 la Dott.ssa Aperio cura la rubrica sull’alimentazione della rivista “Senza età. Salute & famiglia”.

Esercita la sua attività come professionista per chi volesse una consulenza nutrizionale personalizzata.

Contatti: mobile 345 5932271 – mail cristiana.aperio@gmail.com –  studio presso Poliambulatorio ARTEMISIA in via Calatafimi a San Benedetto del Tronto

Il Curriculm della Dottoressa Cristiana Aperio

Leggi anche:

  1. Pillole sulla lettura delle etichette degli alimenti
  2. Lo Xilitolo: scopriamo qualcosa in più
  3. Perchè alcuni bimbi sono voraci e altri inappetenti?
  4. Il vasino, non sempre un approccio facile!
  5. Il pesce: una miniera di nutrienti alleati della salute
  6. Toxoplasmosi
Annunci

3 thoughts on “Norme igienico alimentari per la gestante recettiva alla toxoplasmosi

  1. Pingback: Toxoplasmosi | MammeSBT - Le Mamme del Piceno

  2. Pingback: Il vasino, non sempre un approccio facile! | MammeSBT - Le Mamme del Piceno

  3. Pingback: Stress ossidativo e riproduzione | MammeSBT - Le Mamme del Piceno

Lascia un Commento o clicca su Replica se vuoi rispondere a un commento precedente

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...