Diagnosi prenatale: il futuro dei test non invasivi

OggiScienza

https://www.flickr.com/photos/oliver_symens_de/16353527186/in/photolist-qV76Th-b6LJRZ-pJo7tz-6rFnSq-7GSUfy-8N5srv-qoJC8k-7jPyDj-7erzYD-hyE2be-5yaDKV-hyLwh-jvLxZ1-bk57bG-fxPKCG-3c5QUb-5yaDMx-qoH8mB-qEZdmk-eKbCLP-6rBfs2-4shAE2-dLizkT-bCko1x-dLp5Kw-dLiyGZ-7nkBSD-hhXHpU-amTd1C-2kkY1U-2kgBr8-2kgBMB-2kgBot-fDR1kb-6rFnQQ-2kgBwK-aHtEgi-797AS7-f1ZeUm-5ZgNdJ-7BXFNv-2kgBE6-bVVRN5-qrF5Z-2kgBXn-2kgBeH-2kgBKn-2kgBH4-2kgB5v-2kkXC1GRAVIDANZA E DINTORNI – Era il 1997 quando Dennis Lo, oggi alla Chinese University di Hong Kong, scopriva che nel sangue materno circola DNA di origine fetale. Immediato pensare di utilizzare questo DNA per scoprire eventuali malattie del bambino ancora in utero, evitando il ricorso a tecniche invasive come amniocentesi o villocentesi. Diciamolo subito: non ci siamo ancora. Però è vero che per lo screening di alcune anomalie cromosomiche, il test sul DNA fetale del sangue materno si sta dimostrando sempre più affidabile. E per quanto riguarda la sindrome di Down è addirittura migliore del test di screening classico, quello che si fa nel primo trimestre combinando la misurazione per ecografia della traslucenza nucale con i valori di alcuni parametri biochimici della mamma.

Lo aveva già suggerito una metanalisi pubblicata a marzo dal gruppo di ricerca di Kypros Nicolaides del King’s College Hospital di Londra, uno dei massimi guru…

View original post 726 altre parole

Annunci

Lascia un Commento o clicca su Replica se vuoi rispondere a un commento precedente

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...