Lo Xilitolo: scopriamo qualcosa in più

XilitoloLo xilitolo è un edulcorante che si estrae da frutti come fragole e lamponi, dal mais, ma soprattutto dal legno di betulla e da più di 30 anni viene usato in Finlandia e nei Paesi scandinavi  per dolcificare gomme da masticare, caramelle e numerosi altri tipi di dolci. E lo xilitolo sta iniziando ad avere una maggiore diffusione anche qui da noi in Italia, grazie alle sue preziose caratteristiche che lo rendono particolarmente utile come coadiuvante nella prevenzione o  nella cura di varie patologie. Il suo utilizzo più noto è certamente quello come coadiuvante nella prevenzione della carie dentaria. Studi scientifici hanno dimostrato che l’assunzione regolare di gomme o caramelle allo xilitolo, unita ad una dieta sana e ad un corretto uso dello spazzolino da denti, previene la formazione di lesioni cariose. Ma questo è solo uno e, come dicevamo, il più conosciuto modo di utilizzarlo vantaggiosamente per la nostra salute. Ovviamente il consumo di xilitolo no deve essere esagerato, va consumato preferibilmente al posto dello zucchero senza abusarne anche se non presenta gli svantaggi associati al consumo di zucchero. Il fatto che presenti delle caratteristiche benefiche non deve spingerci ad usarne  troppo. Soprattutto nel caso dei bambini essi vanno comunque educati a non esagerare con gli alimenti dolci.

Lo xilitolo può essere usato dai diabetici infatti sempre più spesso, viene incluso nelle diete per questi pazienti poiché ritenuto, grazie alle sue caratteristiche  nutrizionali,  il miglior sostituto dello zucchero presente attualmente sul mercato. Un dato è particolarmente significativo. Lo xilitolo ha un indice glicemico di 7, quindi estremamente basso e nettamente inferiore a quello dello zucchero, che invece ha un indice glicemico pari a 100  (l’indice glicemico IG rappresenta la velocità con cui aumenta  la glicemia nel sangue dopo aver  assunto un quantitativo di  un alimento contenente 50 g di carboidrati e tale velocità si esprime in percentuali prendendo il glucosio come punto di riferimento pari al 100%). Questo vuol dire che lo xilitolo viene metabolizzato molto più lentamente e non  provoca un innalzamento repentino dei livelli di glucosio nel sangue,  motivo per cui viene inserito nelle diete per diabetici.

Inoltre in Finlandia sono stati effettuati studi, anche se per il momento non sugli umani, ma solo sui topi da laboratorio, nei quali  è  stata riscontrata l’efficacia  dello xilitolo sul benessere dell’apparato scheletrico, poiché pare favorisca l’aumento della densità ossea invertendo il processo di decalcificazione. E questo è un dato estremamente interessante per quanto riguarda una patologia importante come l’osteoporosi. Gli studiosi finlandesi sono sempre più convinti, infatti, che l’assunzione di circa 40 grammi di xilitolo al giorno aiuti le donne in premenopausa a fortificare le ossa e a  rallentare, se non ad evitare del tutto, l’insorgenza dell’osteoporosi.

Lo xilitolo si è dimostrato protettivo nei confronti delle malattie da raffreddamento e in particolare si è visto che masticare gomme allo xilitolo protegge i più piccoli dalle otiti ricorrenti.

In Finlandia alcuni studi hanno dimostrato l’efficacia dello xilitolo contro riniti allergiche e asma. Irrorare il naso con uno spray che contenga xilitolo riduce drasticamente la presenza di batteri e allergeni nell’area trattata. E nella pratica medica si è notato che l’uso di uno spray nasale allo xilitolo riesce a prevenire circa il 90% delle infezioni nasali, allergie e asma. E’ stato scoperto inoltre che lo xilitolo aumenta l’attività dei globuli bianchi, potenziando così il sistema immunitario.

Lo Xilitolo sembrerebbe essere protettivo nei confronti della candida orale infatti la  sua assunzione è stata associata ad una significativa riduzione sia verso il rischio di contrarre la candida orale, il così detto mughetto, infezione fungina che provoca dolorose ulcerazione all’interno della bocca, sia verso il pericolo di  contrarre una malattia chiamata chelite desquamativa angolare, patologia per la quale le ulcerazioni invece che nel cavo orale si presentano agli angoli della bocca.

Infine lo xilitolo possiede il 40% di calorie in meno rispetto al comune zucchero da cucina e per questo motivo rientra tra quelle sostanze adatte alle diete delle persone che desiderano perdere peso.

AUTORE:

Logo Cristiana AperioCristiana Aperio è la Biologa Nutrizionista (ISCRIZIONE ALL’ALBO dei Biologi – SEZIONE A NUMERO d’ISCRIZIONE: 061643) ideatrice della Dieta Miwa. Dottore Magistrale in Economia e in Scienze Biomolecolari e Biofunzionali, la sua specializzazione nello stress ossidativo l’ha condotta ad essere Coordinatrice Scientifica di “Regenera Research Group” (Associazione scientifica di medicina preventiva, predittiva e rigenerativa). Il suo lavoro come nutrizionista è continuamente affiancato ad attività di ricerca  che le hanno valso molte pubblicazioni scientifiche, tra le quali:

  • “Lo stress ossidativo e le sue implicazioni nella salute femminile”, Bollettino di ginecologia Endocrinologica, Vol7:53-63, 2013;
  •  “IL-22 mRNA in peripheral blood       mononuclear cells from allergic rhinitic and asthmatic pediatric patients” (Pediatric Allergy and Immunology, Volume 22,Issue 4,pages 419-423, June 2011);
  • “Sensibilzation rate of Anisakis Simplex in a not selected pediatric population ” Società Italiana di Allergologia ed Immunologia Pediatrica S.I.A.I.P. 9° Congresso nazionale di allergologia ed immunologia pediatrica.

La Dottoressa Aperio gestisce un team di nutrizionisti che collaborano con lei per creare diete bilanciate e gustose che sono alla base dei menu Miwa Diet (Miwa Diet è un marchio depositato che fa della professionalità del suo staff un suo punto di forza). Da Settembre 2013 la Dott.ssa Aperio cura la rubrica sull’alimentazione della rivista “Senza età. Salute & famiglia”. Esercita la sua attività come professionista per chi volesse una consulenza nutrizionale personalizzata. Contatti: mobile 345 5932271 – mail cristiana.aperio@gmail.com –  studio presso Poliambulatorio ARTEMISIA in via Calatafimi a San Benedetto del Tronto

Il Curriculm della Dottoressa Cristiana Aperio

Delle stesso autore:

Leggi anche:

  1. Norme igienico alimentari per la gestante ricettiva alla toxoplasmosi
  2. Perchè alcuni bimbi sono voraci e altri inappetenti?
  3. Il vasino, non sempre un approccio facile
  4. Pillole sulla lettura delle etichette degli alimenti
  5. Il pesce: una miniera di nutrienti alleati della salute
Annunci

4 thoughts on “Lo Xilitolo: scopriamo qualcosa in più

  1. Pingback: Perchè alcuni bimbi sono voraci e altri inappetenti? | MammeSBT - Le Mamme del Piceno

  2. Pingback: Norme igienico alimentari per la gestante recettiva alla toxoplasmosi | MammeSBT - Le Mamme del Piceno

  3. Pingback: Il vasino, non sempre un approccio facile! | MammeSBT - Le Mamme del Piceno

  4. Pingback: Stress ossidativo e riproduzione | MammeSBT - Le Mamme del Piceno

Lascia un Commento o clicca su Replica se vuoi rispondere a un commento precedente

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...